Docente: Otello QUAIA

Ore settimanali: 2

Ore totali: 24 – I semestre

ECTS 4

Obiettivi

Il corso si propone di presentare le vicende storiche e la vita interna della sancta concordiensis ecclesia dalle origini ai giorni nostri, pur nella consapevolezza che, per lunghi periodi, si brancola nel buio della mancanza di fonti. La descrizione della plantatio ecclesiae e del suo successivo inserimento nelle strutture culturali, politiche e sociali delle varie epoche si propone di condurre lo studente a conoscere e riflettere sulla stagione presente della chiesa locale.

Contenuti

Da Aquileia a Concordia

- Le origini del cristianesimo nella X Regio Augustea “Venetia et Histria”: lettura delle fonti e dei reperti archeologici.

La Chiesa di Concordia in età tardo antica e altomedievale

- Nella bufera delle invasioni, nei cataclismi delle alluvioni, nel buio dell’assenza di notizie

Il medioevo della Chiesa concordiese

- Avvenimenti, istituzioni, organizzazione interna

L’età moderna e la diocesi di Concordia

- Dal Concilio di Trento alla soppressione del Patriarcato di Aquileia e alla caduta della Repubblica di Venezia

Dall’età moderna all’età contemporanea in diocesi di Concordia

- La rivoluzione francese, il Regno Lombardo-Veneto, l’unità d’Italia: riflessi sulla vita della comunità cristiana fra Livenza e Tagliamento

Da Concordia a Concordia-Pordenone

- Il trasferimento della sede vescovile

Metodo

Il corso prevede lezioni frontali da parte del docente e alcune ore di lavoro seminariale su qualche documento. La verifica si attuerà sulla base di un tesario riassuntivo degli argomenti trattati durante le lezioni. Il colloquio d’esame verter. su una tesi scelta dal candidato e su una proposta dal docente.

Bibliografia

E. Degani, La diocesi di Concordia, Portogruaro 21924 (ed. anast., Brescia 1977).

AA.VV., La chiesa concordiese, 3 vol., a cura del Comitato per il XVI Centenario della Cattedrale, GEAP, Fiume Veneto 1989.

AA.VV., Diocesi di Concordia in Storia Religiosa del Veneto, a cura della Giunta Regionale del Veneto, Gregoriana, Padova 2004.