Coordinazione: prof.ssa Monica PELLOIA

Docente I modulo: prof. Michele GIRO

Docente II modulo: prof. Sergio PAVAN

ECTS 4+2+2

Obiettivi

L’obiettivo del corso . finalizzato alla realizzazione di sussidi didattici correlati alla Mostra didattica dal titolo: “L’Oriente in Occidente: l’opera di Rufino di Concordia”, che avr. sede anche presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Portogruaro a lui dedicato, oltre che nel Museo Nazionale Concordiese nazionale e nella sede della Basilica di Concordia.

Il corso, suddiviso in due parti, intende dapprima avviare lo studente allo studio dell’archeologia cristiana, presentandone i caratteri generali, al fine di dare una visione d’insieme che permetta di entrare in una viva comunicazione con i primi credenti, cos. da conoscere e capire poi lo sviluppo delle primitive comunit. cristiane, con particolare attenzione alla chiesa di Concordia e alla figura di Rufino.

La seconda parte . dedicata ad approfondire come operare in maniera efficace ed efficiente sul web e sfruttare al meglio le opportunit. della rete, fornendo le nozioni indispensabili per creare ed utilizzare un Cloud al fine di condividere in rete i materiali prodotti nella prima parte del corso.

Primo semestre

Prof. Michele GIRO – PRIMA PARTE “Archeologia cristiana”

Primo modulo (12 ore): introduzione allo studio dell’archeologia cristiana: caratteri generali, architettura religiosa, arti figurative (pittura, mosaico, scultura), epigrafia.

Secondo modulo (8 ore): archeologia cristiana a Concordia Sagittaria: tricora, basilica maggiore, sarcofagi ed epigrafia.

Terzo modulo (20 ore): lavoro laboratoriale (elaborazione di schede su Concordia cristiana per un utilizzo didattico).

Bibliografia:

Dispense del docente.
Per chi desidera approfondire:

C. Bozzoni, Dal Tardoantico alla Rinascenza Carolingia, in L’architettura del mondo antico, Laterza, Roma, 2006.

P. Croce Da Villa, Concordia Cristiana, in Concordia tremila anni di storia, Editrice Esedra, Padova, 2001.

A. Grabar, L’arte paleocristiana, BUR, Milano, 1991.

J.A.I. Herrero, Archeologia cristiana, Edizioni San Paolo, Milano, 2003.

G. Lettich – P. Zovatto, Le origini e le epigrafi cristiane di Concordia, Centro Studi Storico-Religiosi del Friuli Venezia Giulia, Trieste, 2007.

G. Liccardo, Introduzione allo studio dell’archeologia cristiana, Edizioni San Paolo, Milano 2004.

Secondo semestre

Prof. Sergio PAVAN – SECONDA PARTE “IRC e web 2.0” e “IRC e web 2.0 avanzato”

Primo modulo (8 ore): “IRC e web 2.0”

  1. I incontro (2 ore):
    1.  la rete e la sua infrastruttura tecnologica:
      • presentazione del corso: gli obiettivi sono darvi strumenti per lavorare in modo pi. efficace e darvi degli spunti per attivit. da svolgere con i ragazzi;
      • contesto contemporaneo: globalizzazione della comunicazione;
    2. visita ai luoghi sacri in modo virtuale;
    3. IT e ICT con Android (cenni): i QR Code per le gite scolastiche.
  2. II incontro (2 ore):
    1. utilizzo degli strumenti B2C e C2C per IRC:
      • in atto rivoluzione culturale prima che tecnologica;
      • suggerimenti di attività da far svolgere ai ragazzi.
    2.  portali e metaportali per e-commerce: kelkoo, ciao.it, trova prezzi.it, tripadvisor (gite), bol, amazon, ecc …;
    3. gruppi di acquisto solidale (GAS) con annessi e connessi (GAF): cosa sono e alcuni esempi sul web: far ragionare i ragazzi sul senso che possono avere questi gruppi sul web;
    4. prospettive del web.
  3. III incontro (2 ore): utilizzo delle piattaforme di comunicazione per IRC:
    1.  newsgroup: fonte di informazione con scambio di opinioni, sono la forma pi. datata;
    2.  social network, in particolare IRC 2.0: piattaforme dove, similmente a face book, si possono stringere amicizie, scambiare opinioni, materiale didattico, esperienze, in tutti in maniera riservata o aperta a tutti;
    3.  forum: simili ai newsgroup, sono delle bacheche virtuali per inserire opinioni o commenti sull’argomento oggetto del forum;
    4.  blog: si parte da un articolo o una pubblicazione e si possono inserire dei post.
  4. IV incontro (2 ore): utilizzo gli strumenti di ricerca della rete per IRC:
    1. motori di ricerca: strumenti per ricercare info, immagini, news, luoghi, ecc…;
    2. meta-motori di ricerca: motori che cercano in pi. motori contemporaneamente;
    3. portali, pi. interattivi dei motori, hanno anche informazioni e possibilit. di interagire tra utenti in una comunit. virtuale. Sono libero, virgilio, tiscali, ecc…;
    4. marketplace: portali che si collegano contemporaneamente a pi. portali, come kelkoo;
    5. RSS feed, per avere info freschissime direttamente sul pc tramite un programma di scaricamento via web gratuito;
    6. Prospettive: il cellulare sar. il principale strumento.

Secondo modulo (8 ore): “IRC e web 2.0 avanzato”

  1. I incontro (2 ore):
    • Definizione di Cloud;
    • Soluzioni e tipologie di Cloud esistenti;
    • Il Cloud per l’IdR.
  2. II incontro (2 ore):
    • Progettazione di un Cloud per l’ISSR;
    • Pianificazione dell’attivit. di creazione;
    • Primi passi pratici nella realizzazione del Cloud.
  3. III incontro (2 ore):
    •  Completamento della struttura del Cloud;
    •  Gestione delle varie funzionalit. e configurazione;
    •  Inserimento dei contenuti.
  4. IV incontro (2 ore):
    •  Pericoli e risorse dal web: introduzione e definizioni di base;
    •  Strategie per educare ad un utilizzo consapevole di internet: lettura e discussione del materiale relativo alla materia;
    • Principali problematiche connesse e casi di cronaca.

Metodologia

I moduli prevedono lezioni frontali ed interattive con momenti laboratoriali. I percorsi hanno un duplice obiettivo:

  • formazione in itinere per insegnanti di Religione Cattolica di ogni ordine e grado di scuola, dato che i corsi sono aperti anche agli insegnanti specialisti in servizio
  • corso di studi per gli studenti iscritti al biennio di specializzazione didattica.

Momento valutativo

Verranno attribuiti 4 crediti per il corso del prof. Michele Giro e 2 crediti per ciascun modulo del prof. Sergio Pavan.

Al termine della frequenza verrà concordato con il docente la tipologia di prova per la verifica del corso: una tesina o una prova scritta o un colloquio. Tutte le prove dovranno comunque tener conto dell’IRC e della sua ricaduta in aula. La valutazione sarà in 30esimi e sarà comunicata dal docente al Direttore dell’ISSR. La partecipazione ai corsi è aperta anche ai docenti di religione in servizio nell’ambito della formazione professionale.

Bibliografia

Ogni docente provvederù a fornire al termine del corso una bibliografia e sitografia inerenti al tema trattato.